El me lampiù – Il mio lampione – Poesia in dialetto bresciano con traduzione in italiano

El me lampiù

L’è de nòt che vé pora, quan fa scür,

quan le umbrie le se rampéga dré ai mür

ma mé g’hó en lampiù en banda al cancèl

che contròla chi suna el campanèl.

El sta lé, drit en pé, de sentinèla

el té d’öcc chi va e vé, se l’è zènt bèla

quan gh’è scür, nel sò ciar, prim de pasà,

i g’ha töcc, da lü, fas controlà.

Pó se rözen, pora el g’ha de niènt

nè del calt, nè del frèt e nè del vènt.

L’è en brao soldat smorsat, ma se l’è ‘mpis

el fa del me cantù en paradis:

col sò pal drit e de ‘n zalt che só mia

sèmper gh’è ‘n girasul nela me via.

Il mio lampione

È durante la notte che compaiono le paure, quando fa buio, / quando le ombre si arrampicano sui muri / ma io ho un lampione vicino al cancello / che controlla chi suona il campanello. // Se ne sta lì, diritto in piedi, a far da sentinella / tiene d’occhio chi va e viene, se è gente bella / e di notte con la sua luce, prima di passare / da lui tutti devon farsi controllare. // Anche se arrugginito, non ha paura di niente / né del caldo, né del freddo né del vento. / È un bravo soldato da spento, ma se è acceso // trasforma il mio angolo in paradiso: / col suo palo diritto e quel suo giallo acceso / c’è sempre un girasole nella mia strada.

21-11-2014 – Sezione poesia in dialetto bresciano – Segnalazione 4° CONCORSO LETTERARIO –edizione 2014- “La mia terra ha buona – Tema:i colori dell’anima – l’anima dei colori – Associazione culturale Agape Col patrocinio del Comune di Vobarno e Biblioteca di Vobarno

 

 

Precedente Chiesetta di San Giuseppe - Poesia di Velise Bonfante Successivo Haiku in italiano di Velise Bonfante

Lascia un commento